Sei in: Canile comunale, inaugurato un box di isolamento per cani in degenza

Canile comunale, inaugurato un box di isolamento per cani in degenza

Dopo un anno di progettazione e raccolta fondi, l'associazione "Amico Fedele" che gestisce il canile comprensoriale è riuscita ad acquistare un nuovo box di isolamento per cani in degenza e cucciolate.  Nel pomeriggio di ieri, venerdì 20 giugno, nella sede della struttura di Ripatransone, si è svolta l'inaugurazione della nuova struttura. Erano presenti gli assessori all'ambiente di San Benedetto Paolo Canducci e di Grottammare Daniele Mariani, il consigliere comunale di San Benedetto Andrea Marinucci, il direttore di Picenambiente Leonardo Collina, una rappresentativa dell'Istituto scolastico comprensivo "Centro" con la dirigente Stefania Marini, le insegnanti Laura Fazzini, Maria Paola Salzano, Bruna Coccia e Immacolata Ciaravolo e gli alunni, i volontari e il direttore del canile.

 

La presenza della delegazione scolastica si spiega con il fatto che il box, costato circa 3000 euro, è stato acquistato grazie all'impegno del Comune di San Benedetto del Tronto, della Picenambiente e dell'Isc Centro. Infatti gli alunni delle sezioni B e F dell'Infanzia di via Togliatti hanno vinto il progetto regionale “La scuola adotta un canile” e hanno devoluto il premio a questo progetto. Anche i loro genitori hanno contribuito partecipando al laboratorio creativo manipolativo organizzato dalla scuola e realizzando degli oggetti con materiale di riciclo poi venduti in mercatini. 

 

Fino ad ora i cani del canile operati e quindi con ferite fresche (ad esempio, femmine appena sterilizzate) o cani malati (non colpiti da malattie infettive), venivano reinseriti subito dopo l'intervento nei box pur avendo bisogno di un ambiente pulito, caldo e tranquillo che però non c’era.

 

“Grazie all'impegno di Comune, Picenambiente, volontari, studenti, insegnanti e genitori - dichiara l'assessore Canducci - siamo riusciti a dotare il canile comprensoriale di una struttura adeguata alle esigenze di quei cani che in alcune circostanze hanno necessità di spazi adeguati per riprendere le forze dopo un intervento. L'impegno non finisce qui, siamo certi che proseguendo in questa direzione e con la collaborazione di tutti i soggetti interessati alla tutela dei nostri amici a quattro zampe, il canile riuscirà ad essere un luogo sempre più confortevole. L'auspicio - conclude Canducci - è che si prosegua nel trend ampiamente positivo delle adozioni che, dal 2006 ad oggi, sono costantemente aumentate”.

 
 
A cura dell'Ufficio Stampa