Sei in: Area Stampa , Comunicati Stampa , Rischio ghiaccio, scuole chiuse martedý 27 febbraio

Rischio ghiaccio, scuole chiuse martedì 27 febbraio

Convocato dal sindaco Pasqualino Piunti, è tornato a riunirsi questa mattina il tavolo di coordinamento per gli interventi da attuare in relazione alla situazione meteorologica.


Nonostante la nevicata, non prevista nelle dimensioni, che ha interessato la città nelle prime ore della giornata, non sono state segnalate particolari criticità nella viabilità. Anche dalle scuole non sono giunte comunicazioni riguardanti problematiche rilevanti, fatta eccezione per un guasto all'impianto di riscaldamento del nido di via Mattei su cui stanno lavorando i tecnici di CPL Concordia.


Poiché però i modelli previsionali presentati dalla Protezione civile indicano per le prossime ore una diminuzione delle temperature, con il conseguente concreto rischio di formazione di ghiaccio sulle strade, soprattutto nelle ore notturne e nelle prime ore del mattino, allo scopo di salvaguardare la pubblica incolumità il sindaco Pasqualino Piunti, sentiti i Sindaci degli altri Comuni costieri e il presidente della Provincia, ha deciso di firmare l'ordinanza per la chiusura a titolo precauzionale di tutte le scuole della città per la giornata di domani martedì 27 febbraio.


Dal pomeriggio di oggi riprenderà il servizio di spargimento sale sulle strade cittadine, con particolare attenzione per quelle in pendenza, oltre a sottopassi e rampe della superstrada.


La sala operativa della Protezione civile di viale dello Sport è stata aperta fino a cessazione dell'emergenza e sempre il Sindaco sta per firmare l'ordinanza che impone, per tutta la durata dell'allerta in vigore, di munirsi di pneumatici invernali o di avere catene a bordo per circolare in tutto il territorio comunale.
Sono state infine individuate alcune regole di comportamento che possono contribuire a ridurre i disagi:
_ la CIIP raccomanda la copertura dei contatori dell'acqua che potrebbero rompersi per il ghiaccio;
- i residenti nelle zone collinari sono invitati a spostare le automobili in zone pianeggianti per evitare di rimanere bloccati e comunque è raccomandabile utilizzare l'auto solo in casi di necessità non rinviabili;
- come previsto anche dal regolamento di Polizia urbana, ognuno dovrebbe contribuire ad alleviare il disagio liberando il tratto di marciapiede o gli spazi antistanti la proprietà anche spargendo del comune sale da cucina.

 

Documento in formato Adobe AcrobatL'ordinanza di chiusura delle scuole e di altre strutture pubbliche

 

Documento in formato Adobe AcrobatL'ordinanza che impone gomme termiche o catene a bordo

 
 
San Benedetto del Tronto, 26-02-2018
 
A cura dell'Ufficio Stampa