Festa dei Funai

 
dove
Ditta Perotti cavi
 
quando
31 gennaio / 1 febbraio
 
telefono
 
 
e-mail
 
 
a cura di

Amministrazione comunale

 
 
 
 
 
 

Anche quest'anno l'Amministrazione comunale celebra S. Biagio, patrono dei funai. A San Benedetto del Tronto i funai un tempo erano molto numerosi. Producevano spago e corde di ogni tipo e per ogni uso. In sette - otto anni circa, calcolando i giorni di freddo e di pioggia, le domeniche e le feste comandate, un funaio compiva il proprio giro del mondo: un lungo cammino, sempre sullo stesso sentiero, percorso andando sempre avanti e indietro. Poi c’erano i "canapini", anzi forse c’erano prima di tutti gli altri perché il loro lavoro era propedeutico a quello dei funai sia "di fino" sia "di grosso". Professionisti instancabili, dopo aver maciullato la canapa grezza dovevano “pettinarla” per separare la parte migliore, il fiore, dalla stoppa.

La prima festa dei funai e canapini si tenne a San Benedetto del Tronto, per volere di don Francesco Sciocchetti, parroco della chiesa della Madonna della Marina, il 3 febbraio 1911, ai piedi dell'altare che ancora oggi possiamo ammirare nella navata di sinistra della chiesa e che era arrivato dalla soppressa chiesa di S. Filippo di Ascoli Piceno, poi demolita per fare spazio a Piazza Simonetti (come si chiama oggi lo slargo esistente davanti al Palazzo S. Filippo, sede della Prefettura e dell'Amministrazione provinciale).

Nel corso di visite guidate, il 31 gennaio e il 1 febbraio 2019 sono previste visite guidate presso la ditta Perotti cavi (che da secoli opera in questo settore e i cui discendenti hanno ancora un antico "sentiero" sul quale lavorano i fabbricanti di reti e cavi) dedicate agli studenti dei tre ISC cittadini: a loro viene stato raccontato il duro lavoro dei funai e canapini e come i loro coetanei cento anni fa, anziché andare a scuola, dovevano per forza di cose girare la ruota contribuendo così all'economia familiare al tempo davvero misera.

Domenica 3 febbraio è invece in programma la S. Messa in Cattedrale celebrata da mons. Romualdo Scarponi: A seguire, è previsto l'incontro "Il giro del mondo in un sentiero: S. Biagio patrono dei funai e canapini" a cura di Giuseppe Merlini dell'Archivio Storico comunale.