Sei in: Inaugurati i nuovi arredi donati dall'Ikea e i rinnovati locali del Ce.di.s.e.r. "L'arcobaleno" di San Benedetto

Inaugurati i nuovi arredi donati dall'Ikea e i rinnovati locali del Ce.di.s.e.r. "L'arcobaleno" di San Benedetto

 
Un momento dell cerimonia al Cediser
Un momento dell cerimonia al Cediser

Tra la gioia e l'emozione di tutti i 31 ragazzi che lo frequentano ogni giorno, dei loro familiari e delle autorità, sono stati inaugurati nella mattinata di venerdì 19 giugno i nuovi arredi donati dall'Ikea di Ancona al centro diurno socio-educativo-riabilitativo "L'arcobaleno" in via Machiavelli 2 a San Benedetto. I locali della struttura sono inoltre stati rinnovati in vari punti, grazie a lavori curati dai tecnici del Comune (progettisti l'arch. Elio Rocco e il geom. Ersilio Filiaci del settore Manutenzione e qualità urbana), per un importo di 46.500 euro. I locali sono quindi sempre più colorati, accoglienti e confortevoli, per i nuovi divani, i lampadari, i colori alle pareti, la nuova cucina, gli stessi lavori realizzati dai ragazzi nei vari laboratori del centro diretto da Raimondo Belleggia.

«Questa è una struttura di cui possono essere orgogliose tutte le Amministrazioni che l'hanno curata e fatta crescere», ha detto il sindaco Gaspari durante la festa odierna, «È un luogo dove si impara molto, e che tenta di contribuire concretamente al principio delle pari opportunità. Ringrazio naturalmente l'Ikea, che dimostra in maniera felicissima come un'azienda debba anche dare ad un territorio, e non soltanto ricevere in termini di profitti».

L'assessore alle Politiche della città solidale Loredana Emili ha portato il suo saluto citando don Milani ("Non c'è nulla che sia più ingiusto quanto far parti uguali fra disuguali") e insistendo a sua volta sul concetto di uguaglianza nel senso delle pari opportunità, anche per più deboli. «Le politiche sociali sono il discrimine tra la buona politica e la semplice amministrazione», ha affermato la Emili, «Per lo splendido risultato di oggi vorrei ringraziare tutti, e in particolare i dipendenti comunali che hanno profuso tanto impegno per il suo raggiungimento».

 

Raggiante anche la responsabile marketing Tiziana Babuin dell'IKEA di Ancona, che ha ventilato la possibilità di arredare il prossimo anno anche l'altra sezione del centro. Accanto a lei il coordinatore delle attività sociali e ambientali del negozio IKEA di Ancona, Davide Niemeijer.

Alla cerimonia sono inoltre intervenuti il vescovo Gestori per la benedizione, i genitori di alcuni dei ragazzi utenti del centro, Franca Esposito e Loretta Rispoli, altri familiari, i dipendenti comunali che hanno seguito la fase di ristrutturazione o che si occupano tutto l'anno di politiche sociali.

Gli utenti del centro Arcobaleno sono persone in situazione di disabilità grave che hanno assolto l'obbligo scolastico, e l'obiettivo è quello di svilupparne l'autonomia personale e promuoverne l'integrazione sociale. Le attività principali dei Cediser sono la formazione pre-lavorativa (laboratorio di ceramica, laboratorio di tessitura), le attività individuali (laboratorio di informatica, laboratorio multimediale, interventi di igiene posturale, assistenza alla persona), le attività di gruppo (globalità dei linguaggi, laboratorio ludico-ricreativo, laboratorio espressivo), le attività sportive (nuoto, palestra), le attività socializzanti (mercatino settimanale, soggiorno estivo, uscite sul territorio e laboratori in esterno). Il centro è gestito da un'"associazione temporanea di cooperative sociali" (L'Oleandro, Filo d'Arianna e COOSS Marche) ed è inserito nel progetto regionale "Autismo nelle Marche", nell'ambito del quale ospita 3 ragazzi con diagnosi di autismo.
 
 
San Benedetto del Tronto

- 19 giugno 2009