Sei in: I premiati del 2010

I premiati del 2010

 
I Premiati del 2010
I Premiati del 2010

Vincenzo Vagnoni

per la brillante carriera accademica sinora compiuta in virtù di altissime competenze acquisite anche grazie al grande amore per la ricerca. Intelligenza sambenedettese che dà lustro e prestigio internazionale alla sua città natale


Cristian Giammarini

per aver raggiunto importantissimi traguardi nell'arte teatrale in virtù di una innata passione e di   una costante applicazione tenendo alto in campo nazionale ed internazionale il nome della sua città natale con cui ha mantenuto un solido legame affettivo


Umberto Silenzi

per l'altruismo, la generosità uniti ad una profonda fede che gli hanno permesso con il sostegno della Caritas e della Diocesi di creare importanti servizi e preziose strutture a favore delle persone più deboli e in difficoltà, indispensabili presidi a salvaguardia degli equilibri sociali del territorio.


Indomito Latini

Per aver dedicato la vita ad aiutare gli altri, mettendo a disposizione di tantissime persone di ogni età, etnia, religione in alcune delle zone più bisognose del mondo le competenze acquisite in campo sanitario. Splendido esempio del grande cuore dei sambenedettesi che non conosce confini.


Enzo Eusebi

per la capacità dimostrata nel sapersi imporre a livello mondiale nella ideazione di innovativi modelli di architettura   ottenendo riconoscimenti, incarichi pubblici, commesse private e trasferendo la stima conquistata anche alla città che gli ha dato i natali.


Giuseppe Merlini

per aver saputo fondere tradizione del territorio,   passione per il mare, ricerca e innovazione tecnologica   costruendo un sistema imprenditoriale capace di produrre soluzioni che si sono imposte sui mercati internazionali.


Marco Pennesi

per la costanza nel lavoro, la creatività nella sperimentazione, il gusto della sfida che ne fanno uno dei protagonisti dell'innovazione tecnologica nel campo della nautica, trainando con i suoi successi l'intero comparto   della cantieristica sambenedettese.


Nicola Giuliani

per l'amore per l'"arte bianca" che in 65 anni non è mai venuto meno regalando a generazioni di sambenedettesi indimenticabili profumi e sapori che solo una grande abilità artigiana e una fortissima passione per il proprio lavoro possono garantire.


Emidio "Mimmo" Del Moro

per aver dato, in decenni di attività professionale,   un contributo notevole alla promozione turistica della città attraverso la conduzione innovativa di strutture ricettive e di intrattenimento e l'organizzazione di una miriade di eventi di grande richiamo, tutti coronati da grande successo.


Mario Bazzi

per la passione per lo sport e l'attenzione dedicata alla crescita dei ragazzi che hanno caratterizzato tutto il suo impegno sociale e per il contributo offerto alla nascita di un prezioso sodalizio come il Porto d'Ascoli e alle fortune della Sambenedettese calcio.


Adriana Ciarrocchi (Premio Speciale per coraggio e abnegazione)

per la forza d'animo e la dignità dimostrate nei lunghi anni   di assistenza prestata al figlio Marcello, esempio di amore sconfinato di una mamma che non si arrende dinanzi alle terribili avversità della vita, modello ideale di quella tenacia coraggiosa che è caratteristica storica dei sambenedettesi.