Sei in:
 

Il Servizio Tirocini è un servizio associato di Ambito che si occupa della predisposizione degli atti necessari all’avvio di un Tirocinio di Inclusione Sociale nonché del monitoraggio dell’andamento dello stesso e di una valutazione finale con rilascio di un attestato finale.

La disciplina trova il proprio inquadramento nazionale nell’accordo del 22/01/2015 raggiunto in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano; tale accordo è stato inizialmente recepito dalla Regione Marche nel 2016, poi modificato con DGR n. 593/2018.

La legge regionale prevede caratteristiche specifiche per i tirocini rivolti a persone che hanno una particolare vulnerabilità e fragilità, anche in termini di distanza dal mercato del lavoro, e che sono in carico dai servizi sociali e/o sanitari (Comuni, Servizi territoriali di Ambito, Aziende Unità Sanitarie Locali - AUSL, Aziende Servizi alla Persona - ASP, Ministero della Giustizia). Si tratta di tirocini di orientamento, formazione e inserimento o reinserimento finalizzati all'inclusione sociale, all'autonomia delle persone e alla loro riabilitazione.

 

Le tipologie di Tirocini di cui si occupa il servizio sono sotanzialmente tre, distinte per tipologia di tirocinanti:

1) Soggetti presi in carico dai servizi socio-sanitari ASUR(Umea,DSM) in quanto portatori di handicap fisico o psichico (Ex legge 18 – Borse Lavoro)

2) Soggetti presi in carico dai servizi sociali in quanto beneficiari della misura di integrazione al reddito denominata “Reddito di Inclusione” o “Reddito di Cittadinanza” (Progetto PON)

3) Soggetti, presi in carico dai servizi socio-sanitari, appartenenti alle categorie maggiormente vulnerabili il cui inserimento/reinserimento sociale e lavorativo può essere perseguito solo attraverso politiche mirate (Progetto FSE – POR 9.1.D)

 

I soggetti del tirocinio sono:

  • Tirocinante: persona che necessita dell’intervento

  • Ente Giuridico di presa in Carico: ente che per motivi sanitari o sociali ha in carico la persona e per la quale ha redatto un Piano Assistenziale che include il Tirocinio

  • Soggetto Ospitante: cioè la ditta, il datore di lavoro presso il quale si svolge il tirocinio

  • Soggetto Promotore: l’Ambito Territoriale Sociale 21 che con il servizio tirocini fa da garante della regolarità e della qualità del percorso

     

Il tirocinio, che non costituisce rapporto di lavoro, si realizza sulla base di un progetto, che definisce gli obiettivi da conseguire nonché le modalità di attuazione, concordato fra il soggetto che ha in carico il tirocinante, il soggetto promotore, il soggetto ospitante ed il tirocinante.

Il tirocinio può avere una durata massima di 24 mesi; sono previsti casi specifici in cui il tirocinio può essere prorogato o ripetuto, anche con progetto formativo individuale identico o simile, previo parere positivo del soggetto competente, ovvero il Servizio pubblico del lavoro, Servizio sociale o Servizio sanitario che ha in carico il tirocinante.

 

Per favorire una buona esperienza di tirocinio è necessaria la sinergica collaborazione di tutte le parti coinvolte e, soprattutto, la possibilità di avere enti ospitanti disponibili, comprensivi e collaborativi di cui il servizio tirocini è sempre in costante ricerca.