Sei in: "Il giovane Karl Marx" di Raoul Peck

"Il giovane Karl Marx" di Raoul Peck

Locandina
Locandina
 
dove
Giardino ex-GIL Sede UNICAM
 
quando
10 luglio
 
telefono
 
 
e-mail
 
 
a cura di

Uci Cinema (Palariviera)

 
 
 
 
 
 
BIOGRAFIA DALL'IMPIANTO CLASSICO CHE SFUGGE AL RISCHIO BIGNAMI PROPONENDO UN MARX INEDITO, SCAPESTRATO E ROMANTICO.   Recensione di Ilaria Ravarino su https://www.mymovies.it/film/2017/lejeunekarlmarx/
lunedì 12 marzo 2018   

Alla metà del Diciannovesimo secolo l'Europa è in fermento. In Inghilterra, Francia e Germania i lavoratori scendono in piazza per protestare contro le durissime condizioni nelle fabbriche, e gli intellettuali partecipano come possono all'opposizione. Uno di loro, il tedesco Karl Marx, a soli 26 anni è costretto a rifugiarsi a Parigi insieme alla moglie Jenny. Qui Karl conosce un suo coetaneo, Friedrich Engels, che, nonostante provenga da una ricca famiglia di industriali, simpatizza con le sue idee rivoluzionarie. Superate le prime resistenze, fra i due ragazzi nasce una solida amicizia che li porterà a conquistarsi la stima dei capi dei movimenti dei lavoratori. Fino a diventarne leader a loro volta.

Diciamolo subito, che non sarà certo la confezione del film a portarci al cinema sulle tracce del giovane Marx.

Che già dal titolo (identico all'originale, Le jeune Karl Marx), predispone a una visione pedagogica, da prima serata in tv: il filone è quello delle grandi biografie storiche, delle agiografie laiche con interpreti di tendenza, non fosse che il personaggio al centro della "lezioncina" è un uomo che il cinema non era mai riuscito a raccontare. Almeno finora. 

Apparso di sbieco solo in un paio di sceneggiati tv, Karl Marx entra qui in scena, per la prima volta da protagonista, nel film di Raoul Peck, con il volto e il corpo di August Diehl. Un interprete in parte ma sopra le righe, a volte troppo compiaciuto, che tuttavia serve a perfezione l'obiettivo: rappresentare Marx come uomo prima che come filosofo, come artista prima che come teorico, raccontarlo arrabbiato, innamorato, umiliato, ubriaco, come fosse una persona normale.