salta ai contenuti
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
gennaio 2019 dicembre   febbraio
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      

Museo Ittico "Augusto Capriotti"

La vita degli animali nel mondo delle acque è stupenda e affascinante, degna di comune conoscenza. Non poteva venir meno perciò l’interesse di alcuni soci della Pescasportiva “Giovanni Poloni” che nel marzo 1956 intrapresero la raccolta e la conservazione di tutto ciò che il mare era in grado di donare costituendo, così, il Museo Ittico. Esso, intestato al Prof. Augusto Capriotti (1920-1970), ricercatore di fama mondiale nel campo della microbiologia e già collaboratore del premio Nobel Prof. Waksman, nel 1977 ebbe il riconoscimento e la sede dal Comune. Tale impulso è cresciuto via via grazie alla marineria locale che, ad ogni campagna di pesca nelle acque di “casa nostra” e negli oceani Atlantico ed Indo-Pacifico, ne ha arricchito e potenziato le collezioni. Si possono ammirare rari soggetti nei percorsi di: pesci, crostacei, molluschi. Altrettanto interessanti sono i settori di: selaci, cetacei, rettili, echinodermi, celenterati, coralli, poriferi, policheti, tunicati ed alghe. Non mancano acquari e reperti archeologici. La biblioteca specializzata, con testi provenienti dai maggiori istituti di ricerca nazionali e stranieri, è frequentata da appassionati, studenti e laureandi in biologia marina. 

All’interno del Museo Ittico, oltre alla collezione paleontologica donata dall’ingegner Giangaspare Buriani nel 1987, sono presenti reperti fossili, che spaziano dal Mesozoico al Quaternario, donati da diversi cittadini, e un Rettilario.

Per il contributo dato alla crescita della realtà museale, ci sono dei “percorsi” intestati ai soci fondatori: Romeo Periginelli, Umberto Patrizi, Emidio Agostini, Fausto Pallottini, Primo Gregori, Lorenzo Cavatassi, Ernesto Miritello, Pietro Rosetti, Sergio Giacoia, Albano Bugari; altro percorso è quello intitolato ad Antonio Lattanzi, donatore di una collezione malacologica completa, a Pietro Marinangeli - per la collezione di uccelli acquatici e rapaci - ed un ultimo percorso intitolato a Franco Ramoscelli, originario di Forlì, donatore ed imbalsamatore autodidatta.

Alcune specie ittiche sono state riprodotte su pannelli in braille per garantire l'accessibilità e la lettura tattile per i non vedenti (Progetto regionale “Il Museo di tutti e per tutti”).

 
Ingresso
 
 

 
 

MUSEO DEL MARE

Viale Colombo n. 94

63074 San Benedetto del Tronto - AP - Italia

cell. +39 393 8925708

tel. +39 0735 592177 / +39 0735 794588

musei@comunesbt.it

 
torna ai contenuti torna all'inizio